sito personale  www.carlosarno.it

HOME  


La Vita come Arte Sovrastorica

 


 


 


 

Carlo Sarno

 

LA VITA COME ARTE SOVRASTORICA

 

 

 

La " Trilogia Sovrastorica " tratta delle modalità di ingresso del paradigma sovrastorico nella cultura scientifica e artistica contemporanea . 

" La Vita come Arte Sovrastorica "  è scritto in prosa ritmata e vuole rappresentare il momento della coniugazione della teoria sovrastorica con il contributo umanitario cristiano .  Si perviene così ad una semplice e pacifica unione tra la vita assoluta e la vita relativa , connubio prolifico da cui nasce la vita come opera d'arte sovrastorica .

Carlo Sarno , 1989


 

 

Sommario

 

INTRODUZIONE

PRIMO TERMINE

Arte e Vita in Occidente

Arte e Vita in Oriente

Arte e Vita in Natura

 

SECONDO TERMINE

Il senso dell'ordine

Il senso del disordine

Il senso dell'amore

 

TERZO TERMINE

Il Tempo Sovrastorico

L'Arte Sovrastorica

La Vita Sovrastorica

 

RISOLUZIONE

La Vita come Arte Sovrastorica

 

 


 

 

 

Introduzione

La vita , a partire dalle prime riflessioni dell'homo-sapiens , ha assunto sempre nuovi e diversi attributi e connotazioni . La definizione della vita ha incessantemente oscillato tra una visione materialistica ad una visione metafisica .

Se applichiamo al problema suddetto il paradigma del tempo sovrastorico , così come formulato nei miei studi precedenti , si perviene ad una semplice e pacifica congiunzione tra la vita assoluta e la vita relativa , connubio prolifico da cui nasce il concetto di vita sovrastorica .

Il passaggio teorico avvenuto partendo dal tempo sovrastorico e giungendo all'idea di vita sovrastorica , si concretizza nella pratica attiva e costruttiva della vita vissuta come arte sovrastorica .

Non più un misticismo separato dalla realtà , non più un corpo separato dallo spirito : la prospettiva sovrastorica tende a riconciliare gli opposti in una unità superdimensionale .

La vita di Cristo è il massimo esempio di vita vissuta come arte sovrastorica , la più sublime opera d'arte sovrastorica .

Spero , attraverso le brevi immagini ed i pensieri posti in questo studio , di essere riuscito , per lo meno nelle grandi linee , a definire il fenomeno del 'tempo sovrastorico' in rapporto alla vita dell'essere umano .

Carlo  Sarno

 


PRIMO TERMINE

Arte e Vita in Occidente

Arte e Vita in Oriente

Arte e Vita in Natura


 

Arte e Vita in Occidente

 

Luce o tenebre ,

cielo o terra ,

fuoco o acqua ,

la spada che spezza , che taglia , che divide...

che separa , che dissocia...

un uomo disgregato , alienato , disperso...

nella disperazione infinita del finito che mai finisce .

O si sale o si cade...

Analizziamo , analizziamo , analizziamo...

La ragione impera , la Ragione ha ragione...sempre...

Lo stesso sentimento rientra nella Ragione .

La logica è la guida del sentimento ,

l'espressione asservita all'elucubrazione .

La materia ci informa , ci guida ,

'essere-bendato' che istruisce un cieco

'essere-oscuro' che avvolge nelle tenebre

noi abbiamo gli occhi!...ma non vediamo

abbiamo le mani!...ma non tocchiamo

abbiamo le orecchie!...ma non ascoltiamo

abbiamo un cuore!...ma non lo sentiamo

perché tutto questo ?

perché questa assurdità ?

Perché ?...perché ?

Ma non chiediamo perché ,

rivolgiamoci all'interno della nostra anima...

un attimo...una voce vuol dire una cosa

su, parla...non avere paura...chiedi pure :

" Che cos'è un'anima ? perché dici che è dentro di noi ?

Io non l'ho mai vista , né sentita ,

e poi non sono superstizioso ,

d'altra parte la scienza non me ne ha mai parlato ? ".

Com'è triste la vita dell'uomo

ridotta

ad un sistema di cellule biologiche ,

sospesa in un tempo nemico

che tutto distrugge ,

che tutto conquista...noohhh!...noohhh!

questa è la vittoria della morte sulla vita

del Nulla sull'uomo

noohhh!...

Diciamolo forte questo noohhh...

per favore diciamolo forte...NO!!!

No , al riduzionismo ,

No , al meccanicismo ,

No , al fisicalismo ...

L'Arte si è separata dalla vita ,

Arte è solo ambizione ed orgoglio

racchiusa in un feticcio ,

un oggetto esterno all'uomo

non integrato nella vita .

L'Arte è segregata in una zona periferica

lontana dalla sua regione naturale

come un animale rinchiuso nella gabbia dello zoo .

Il progresso ci soffoca , ci opprime ,

il tempo ci manca...manca sempre...

e l'accelerazione dei nostri gesti non basta mai ,

siamo sempre in ritardo e incompleti !

Eppure noi siamo i figli della grande civiltà classica ,

la civiltà greco-romana ,

la più alta , la più sublime...

Il lavoro si fonda sulla seduzione ,

l'inganno e la truffa imperano ,

la si chiama lotta per la vita ,

oppure , guerra ragionevole , sensata ,

l'uccisione è giustificata...

Ma chi giustificherà la coscienza dell'uomo ?

La macchina della produzione ,

la morale dell'efficienza ,

la corsa patologica alla specializzazione

tutto corre , tutto gira...tutto funziona ,

eppure , l'uomo non è contento ,

l'uomo non può appagarsi nel bene materiale ,

inutilmente accumula ciò che non gli serve

si gira intorno ma non trova la direzione

l'inevitabile direzione...

e continua a macinare la farina ,

ma perché non si ferma per chiedersi :

a cosa serve tanta farina ?

Il problema non si pone , si lavora... si lavora...

Ma , qualcuno si sta accorgendo

che c'è qualcosa che non va

che qualcosa dovrà cambiare

che l'arte e la vita non dovranno più essere separate .

Non più un mondo dell'arte

ed un mondo della vita ,

l'Arte è una parte costitutiva della vita ,

è parte di essa

ed il segregarla rendendola impotente

significa distruggere le sue potenzialità ,

significa non comprendere il valore dell'esistenza ,

significa perdere l'essenza della vita stessa .

Salvus sis Occidente superficiale !

 

 

 

 


 

 

Arte e Vita in Oriente

 

Luce e tenebre ,

cielo e terra ,

fuoco e acqua ,

un legame si estende continuo

propagandosi infinito nella materia

e nello spirito .

I fiumi si dipartono dalle montagne innevate

e lentamente , sinuosamente ,

attraversano le valli e le pianure

fino a quando , alla fine del loro tragitto

si incontrano con l'oceano

e con i suoi abissi .

L'acqua dolce perde la sua caratteristica

divenendo un tutt'uno con l'acqua salata ,

ed i bianchi cristalli luccicano al sole .

Dove finisce l'arte ?

Dove inizia la vita ?

Un mistero circonda i confini

e le figure sfumano i loro contorni

come avvolte dalla nebbia

trasparenti , indefinibili ,

assorbite e disperse nella luminosità

che tutto placa e tutto assorbe .

Cosa distingue una pietra da un fiore ?

Tutta la creazione è penetrata

dalla medesima sostanza , essenza ,

e tutte le entità viventi e non viventi

sono fratelli e sorelle ,

figli della stessa madre

che tutto dà e niente toglie .

Ciò che viene sottratto o separato

è per i figli momento di riflessione e insegnamento ,

manifestazione di un amore supremo .

L'apparenza dei sensi

niente ha a che fare con la vera arte

e con la vita .

La realtà è mutevole nella sua superficie ,

soggetta a cambiamenti e variazioni ,

pura illusione ed inganno

tenebre per lo spirito .

Il tutto è la parte

e la parte è il tutto .

Non esiste distacco tra il particolare

e l'universale ,

la vera realtà è una ,

come una è la verità ,

come una è la vera arte ,

come una ed una sola è la vera vita ,

la vita dell'anima nel tutto ,

particella attiva e sostanziale

che partecipa al divenire essenziale del cosmo

che si trasforma e non si trasforma

nella sua immutabilità .

Le polarità si affrontano e svaniscono

assorbite nel non essere ,

ed il bianco e il nero

si compenetrano magicamente .

Dove è il due

è l'uno .

Dove è la diversità

ritorna l'unità .

Dal due all'uno e dall'uno al due ,

una danza cosmica interminabile

che tutto trascina e tutto confonde .

Un gesto , una frase , un suono ,

un passo , uno sguardo , un pensiero...

Tutto è arte , tutto è uno ,

tutto è tutto

e tutto è non-essere

e non-essere è tutto .

Il vuoto è il pieno ed il pieno è il vuoto .

Amore è non-amore e non-amore è amore .

Il cambiamento è solo frutto di illusione

perché niente muta veramente

e tutto resta uguale

anche se appare diverso .

La vita è arte e arte è la vita .

Il silenzio...

...     ...     ...

...     ...     ...

...     ...     ...

è il suono !!!

L'arte è un occhio ,

arte è un braccio ,

arte è un pensiero ,

arte un amore ,

arte un disegno ,

arte un abbraccio ,

arte un pianto ,

arte una vita .

Salvus sis Oriente profondo !

 

 

 

 


 

 

Arte e Vita in Natura

 

Da sempre la natura ha stupito l'uomo ,

misteriosa , affascinante , prolifica...

A volte sembra che essa ci sommerga ,

che stia per inghiottirci ,

altre volte ci si presenta in tutta la sua bellezza ,

serena , calma , tranquilla .

Tutti gli eventi che cadono in essa

trovano una loro armonia ,

una loro giustificazione .

I tempi della natura

manifestano una profonda organizzazione

un complesso sistema autopoietico

che tutto attraversa e plasma .

La matrice cosmica

genera forme ,

esseri viventi ,

catastrofi benefiche .

La natura è instancabile ,

la sua attività non ha limiti ,

l'evoluzione del vivente è incontenibile

il lavoro di crescita e trasformazione è inesauribile ,

eppure , agli occhi distratti ,

tutto sembra stabile , in quite , addormentato .

La Natura penetra la nostra natura ,

la Natura è sintesi ed analisi ;

la Natura seleziona , sceglie , scarta ,

in modo inesorabile ,

senza pietà ,

mutila sé stessa per perfezionarsi ,

per purificarsi delle sue parti malsane ,

per essere sempre al meglio delle sue potenzialità ,

per avere cura del suo aspetto esteriore .

Ma la natura è anche unificazione ,

essa genera , fonde , avvicina ,

salva miracolosamente i deboli ,

crea simbiosi imprevedibili ,

interscambia ontogenesi e filogenesi ,

a un germe dona la vita

ed al processo vitale il suo aspetto interiore .

La natura è arte ,

fonte infinita di creazioni

complessa nei suoi processi

semplice nel risultato

sublime nella sua estetica .

La natura è scienza ;

visione sistematica e corretta

necessaria nelle sue soluzioni

imprevedibile nell'affrontare i problemi e risolverli

efficiente ed efficace nei suoi passaggi .

La natura è la vita ,

stato di attività della materia

principio di sensazione e movimento

sinergia onnipresente .

La neve che si scioglie ,

l'acqua che cade e che bagna ,

le nuvole mai ferme nel cielo ,

le stelle tremolanti e luminose ,

il giorno e la notte ,

l'anatra che chiama gli anatroccoli ,

il verde dei prati ,

il fuoco terrificante dei vulcani ,

il calore del magma ,

l'uovo fecondato ,

l'embrione originario ,

la vita e la morte ,

il canto degli uccelli in un mattino di primavera ,

lo sbocciare dei fiori ,

il vento caldo del deserto ,

il vento gelido dei ghiacci polari ,

il comportamento di un elefante innamorato ,

il corteggiamento tra gli usignoli ,

cristalli durissimi che niente può scalfire ,

l'uomo e la donna che si amano ,

energia potenziale e cinetica ,

termodinamica dei processi irreversibili ,

amore e odio ,

forze degli istinti naturali ,

leggi che sorreggono le strutture dell'universo ,

evoluzione naturale ,

ginkyo biloba ,

fotosintesi clorofilliana ,

genetica ,

informazione DNA per RNA-messaggero .

Ordine evolutivo delle forme dinamiche :

a) gravitazione

b) radioattività

c) radiazioni chimiche

d) luce

e) calore

f) elettricità

g) vita , pensiero , coscienza , arte .

Te salvere iubeo Natura prolifica !

 

 

 

 

 


SECONDO  TERMINE

Il senso dell'ordine

Il senso del disordine

Il senso dell'amore


 

 

Il senso dell'ordine

 

Dove inizia e dove finisce l'ordine

nessuno lo sa .

A volte dall'ordine nasce l'ordine

altre volte no .

L'ordine è potenza ,

fermezza ,

stabilità .

Ogni cosa a suo posto ,

secondo un determinato criterio

ed un determinato rapporto con le altre cose

che gli sono intorno .

L'ordine è amico del tempo ,

nel tempo trovano posto tutte le cose ,

gli eventi si susseguono

con un ritmo inesorabile ;

nel tempo come numero

trova la pace

la memoria dell'uomo .

L'organizzazione è efficienza ,

sfruttamento ottimale del potenziale

riposto nella materia

come forza lavoro

che misericordiosamente tutto dona e sorregge .

Ad ogni azione corrisponde una reazione

uguale e contraria .

Chi di spada ferisce

di spada perisce .

Chi discute in maniera sorridente ed allegra

susciterà riso e buon umore in chi l'ascolta .

Chi soffre ama e chi non soffre disprezza .

La natura ha cessato di intimorire l'uomo

con i suoi pericoli e le sue catastrofi ;

le forze devastanti della natura

sono soggette anch'esse a delle leggi ben precise

e , ove prima era tenebre e paura ,

ora è luce e conoscenza .

Dal microscopico al macroscopico

la natura rivela le sue regole ,

alcune ben definibili , altre

comprensibili soltanto in modo intuitivo

e personalizzato .

Calcolo delle costanti .

Simmetria e singonia : caratteri delle facce .

Osservazioni a luce polarizzata parallela

oppure a luce polarizzata convergente ,

con dispersione degli assi ottici

e delle bisettrici .

Ogni uomo è mortale ,

Socrate è un uomo ,

Socrate è mortale .

Se A=B allora B=A .

Se A diverso da B allora B diverso da A .

Ordine e rispondenza armonica delle parti ,

è ciò che struttura un insieme organizzato ,

che dà origine ad un sistema autopoietico ,

che governa e dirige una trasformazione ,

che sorregge il divenire dell'essere .

Esistono due concetti principali

di ordinamento temporale :

la concezione lineare ( o assiale )

e la concezione ciclica ( o circolare ) .

La sintesi delle due modalità temporali

è l'eterna spirale

che pur tornando sui suoi passi

pur sempre , ed inesorabilmente , avanza .

Il signor X vuol dormire sul letto Y ,

Y non è in ordine ,

X prende la coperta Z , il lenzuolo L , il cuscino C ,

li posa sul tavolo T ,

X elabora una funzione F tale che

F (x) deve disporre L incluso in Z

e tale che C incluso in L .

X si rende conto che l'inclusione può avvenire

solo tridimensionalmente e che

occorre ricorrere al concetto di sovrapposizione .

Affinché il letto risulti ordinato per poter dormire ,

occorre che C sia sottoposto a L

e che C+L sia sottoposto a Z ;

il legame di sovrapposizione

dovrà essere elastico , in modo tale

da consentire a X di sollevare L+Z ,

per ottenere :

Y+C sottoposto a X , e X sottoposto a L+Z .

Il senso dell'ordine

è un fenomeno intellettivo

sensitivo ed affettivo ,

corrisponde alla percezione intuitiva

di una modificazione degli stimoli esterni

congruente con le configurazioni degli stimoli interni

tutte soggette a strutture proporzionali

che riflettono , solo in condizioni di trasparenza ,

le armonie interiori nelle armonie esteriori .

 

 

 

 


 

 

Il senso del disordine

 

Nessuna cosa è immobile nel nostro universo ;

niente risulta assolutamente fermo .

La realtà è dinamica ,

l'energia cinetica domina nel cosmo ,

il movimento è l'origine della vita .

Tutto è in equilibrio instabile

ogni cosa è soggetta all'entropia

alla crescita inevitabile del disordine .

Ma allora l'evoluzione mira al disordine ?

E il progresso di cui tanto si parla ,

il progresso che ci dovrebbe condurre

ad organizzazioni sempre più perfette ,

complesse ma ordinate ?

Dall'ordine nasce il disordine ,

come dal disordine nasce l'ordine .

E' questa l'eterna legge

del rincorrersi degli opposti

che sempre tendono a completarsi ,

così come nell'essere umano

il maschio e la femmina ,

lo yang e lo yin ,

sempre tendono a coinvolgersi reciprocamente .

Le forze anarchiche

all'interno dell'uomo e della società

promuovono il disordine

per porre un nuovo ordine

che a sua volta originerà

un nuovo disordine .

Il livello naturale dell'uomo è soggetto all'entropia ,

nessun ordine naturale sfugge al disordine .

Il disordine è dispersione ,

dissipazione di energia .

Il disordine è la vita del divenire

contrapposto alla vita dell'essere ,

il disordine esiste

solo in quanto è possibile l'ordine .

Molte volte capita che

ciò che sembra ordinato ad una persona

risulta disordinato per un'altra

essendo i modelli di disordine

relativi al grado di conoscenza ,

mentre il vero senso dell'ordine

è dato soltanto per intuizione diretta

della purezza dell'armonia .

Uno solo è l'ordine legato alla verità ,

tutti gli altri tipi di ordine

sono solo ordini relativi e incompleti

o , meglio ancora , vari livelli di disordine

che comunque non possono soddisfare

la visione dell'eterna armonia , euritmia ,

che supera le contingenze della pseudo-conoscenza

per cogliere direttamente l'essenza .

Le nuvole non stanno mai ferme

sempre in movimento , sempre diverse ,

a volte provocano la pioggia ,

altre volte coprono soltanto il cielo ,

ma la causa che origina le nuvole

permane identica in tutti i luoghi .

La nuvola è impalpabile

eppure ci appare come un volume

che ostacola la vista ,

sembra soffice , vellutata ,

eppure sfugge alla dimensione tattile ,

da lontano la vediamo

mentre , quanto più ci avviciniamo ad essa

tanto meno la scorgiamo ,

e quando penetriamo in essa

ci avvolge con una nebbia misteriosa

che rompendo i nostri legami con la realtà

ci trascina in dimensioni sconosciute ;

sopraggiunge così la sconfitta dei sensi

il disordine nella nostra capacità percettiva

lo sbandamento della coscienza ,

l'oblio dell'ordine contingente ,

il disarmo della ragione ,

e lentamente sorge una nuova luce ,

appare dolcemente l'aurora

inaspettata , improvvisa ,

e dal disordine dei sensi e della ragione

nasce la consapevolezza dell'intuizione

che coglie al di là della nebbia

la meravigliosa unità del tutto .

Il senso del disordine

corrisponde alla percezione concettuale

di una modificazione degli stimoli esterni

congruente con le configurazioni dei concetti interni

tutte soggette a strutture incomplete

che riflettono , solo in condizioni di trasparenza ,

le incompiutezze interiori nelle imperfezioni esteriori .

 

 

 


 

 

Il senso dell'amore

 

L'amore è un legame indissolubile

tra la materia e lo spirito ,

il corpo e l'anima .

Ciò che avviene nel corpo

avviene anche nello spirito

e, viceversa ,

ciò che avviene nello spirito

avviene anche nel corpo :

la corrispondenza è biunivoca .

La terra ha un cuore ,

il cielo un'anima .

L'amore mira all'unità nella varietà ,

ed è per questo motivo

che fonde e separa contemporaneamente .

Gli opposti si avvicinano ,

i simili si allontanano ,

ed in ogni cosa si manifesta

la compresenza dell'opposto e del simile .

Siamo diversi e siamo uguali ,

siamo nemici eppure amici ,

combattiamo per amore ,

viviamo e moriamo per amore ,

soffriamo e ridiamo per amore .

A partire dalla venuta di Cristo

la realtà ha acquisito un senso , un verso , una direzione ,

e tutti gli eventi ,

nel bene e nel male ,

partecipano alla realizzazione del medesimo fine :

un regno di amore ,

il regno di Dio .

Dio è amore ,

è luce per il mondo .

Gli uomini offuscati dalla materialità ,

hanno perso il fine della loro esistenza ,

hanno spento la luce che brillava nei loro animi ,

hanno soffocato il respiro divino ,

chiusi nei loro egoismi

non scorgono che lotta , odio e competizione .

L'arrivismo e l'orgoglio

dominano nella società consumistica odierna ,

l'amore è stato ridotto

al piacere dei sensi e dell'opportunismo ,

e pochi hanno il coraggio

di aprirsi verso un amore spirituale

che tutto ingloba

e che tutto penetra e confonde .

L'amore è amicizia

non desiderio possessivo dell'altro ,

amicizia della più pura e della più alta ,

rispetto reciproco e comprensione ,

trasfigurazione dell'uomo

nei suoi valori essenziali e profondi ,

partecipazione alla realtà assoluta .

L'amore trasforma i sensi dell'uomo ,

si vedono cose nuove , si ascoltano cose diverse ,

le mani sentono cose mai sentite ,

il cuore assume un altro ritmo ,

la mente organizza in modo insolito

e le azioni ascendono ad un significato straordinario .

Il fuoco scalda lo spirito

brucia le radici malsane

scuote le membra addormentate

accende la luce negli occhi

apre la solenne porta dell'ipotalamo

dischiude i fiori dai mille petali .

Il calore scioglie i ghiacci eterni

annuncia l'avvento del sole

riscalda i meandri della memoria .

Gli infiniti si scontrano , interagiscono ,

eludendo parallelismi interminabili

miracolosamente risolti

benché problemi irrisolvibili .

Le leggi dell'amore

trascendono l'universo ,

inglobandolo in un mondo superiore

che tutto comprende e istruisce .

Nell'amore la razionalità tramonta

e subentra l'intuizione

sorretta dalla fede .

La vera e profonda giustizia

sfugge al giudizio dell'uomo

che , stupefatto e ammirato ,

contempla il perdono di Dio .

Dio traccia il suo disegno con la matita

mentre l'uomo richiama il suo arbitrio ;

come una nuova e bianca gomma

ha la possibilità di cancellare

e cancellando si macchia con la grafite ,

così l'anima insuperbita si sporca

perdendo la sua trasparenza e il suo candore .

Il senso dell'amore è il disegno di Dio .

 

 

 

 

 


TERZO  TERMINE

Il Tempo Sovrastorico

L'Arte Sovrastorica

La Vita Sovrastorica


 

 

Il Tempo Sovrastorico

 

Il tempo sovrastorico è come un ponte

tra il relativo e l'assoluto ,

il locale e il globale ,

il particolare e l'universale .

La sovrastoria conduce all'eterna attualità ,

alla contemporaneità di sincronia e diacronia ,

ad un ingresso libero nella storia .

Il tempo storico è il grande nemico dell'uomo ,

un avversario tremendo ma invisibile ,

capace di risucchiare tutte le energie vitali

del singolo individuo e dell'umanità in generale .

Il tempo storico è il tempo del numero ,

della produttività alienata ,

di un'esistenza coercitiva e ossessiva ,

che riduce l'essere umano

ad un mero ingranaggio

nella macchina lavorativa del progresso ,

e l'uomo non ha più tempo ,

condizionato dalle necessità contingenti ,

sempre di fretta , sempre di corsa ,

per inseguire una mèta che non gli appartiene

che è completamente esterna al suo essere spirituale

che non ha nulla a che vedere con la sua essenza .

Tempo sovrastorico , invece , significa : uomo ,

in una posizione intenzionale sovraepocale ,

libero da remore storiche e dai condizionamenti

capace di attingere alla sua volontà di essere ,

di interagire con diversi sistemi di riferimento categoriali ,

di costruire un metasistema soggettivo

che realizzi il suo essere nell'esser-ci .

Il tempo sovrastorico è il tempo dell'uomo

che si pone nell'intuizione del tempo

in modo cosciente e intenzionale .

Essere nel tempo olistico-esistenziale

significa essere nell'intuizione della possibilità

di più ordini funzionali .

Il tempo sovrastorico corrisponde al salto

da un tempo locale che si reputa globale

a più tempi locali che determinano

nelle loro interazioni

un sistema globale sovraepocale intenzionale

che può interagire con tutti i sistemi locali ,

compreso quello di partenza ,

in modo autonomo .

Nel tempo sovrastorico si amalgamano

diversi sistemi storico-epocali

per dare origine a nuovi modelli

che trascendono la relatività storica

e quindi il singolo influsso epocale .

Il tempo sconfina in altre dimensioni

la memoria perde la sua unidirezionalità

gli eventi si connettono al di là del tempo

l'intuizione sorge libera e sicura .

Le concezioni analitiche del tempo

fondate sulla separazione e ripartizione

quali , ad esempio : oggi e non-oggi ,

passato , presente e futuro ,

subiscono interpolazioni olistiche-temporali ,

e le rigide sequenze cronoschematiche

si trovano a contatto con imprevedibili infiniti locali ,

olocronie improvvise e singolari

che trasformano il tempo in pura luminosità .

Il tempo sovrastorico non è un tempo metafisico

avulso dalla realtà ,

bensì è compartecipazione

di fisicità e spiritualità :

se da una parte il tempo sovrastorico

non si lascia vincolare

dal tempo locale , convenzionale ,

dall'altra , nemmeno perde i contatti con la realtà

cioè con i diversi tempi locali

che costituiscono i luoghi privilegiati

per l'azione concreta ed operativa .

Il tempo sovrastorico è il tempo dell'amore

dei sentimenti infiniti nel finito

dei rapporti di vera amicizia

delle verità della religione

dell'assoluto nel relativo .

Tramonta l'uomo senza spiritualità ,

l'uomo essenzialmente biologico ,

l'uomo asservito al tempo della materialità ,

mentre , trionfa possente l'uomo sovrastorico

detentore della forza-psichica-sovratemporale-intenzionale .

L'uomo sovrastorico domina le categorie del tempo ,

le strutture cronoschematiche ,

conosce profondamente il potere trasformatore del tempo

la capacità del tempo di svelare le verità più nascoste .

Il tempo è il ponte tra l'essere e il divenire ,

colui che svela i misteri dell'eternità ,

che ci rileva la nostra essenza qualitativa .

Il tempo è il corpo dell'amore ,

il legame dell'essere umano con Dio .

 

 

 

 


 

 

L'Arte Sovrastorica

 

Il linguaggio

è la struttura superficiale dell'uomo ,

il tempo

la struttura profonda dell'uomo .

L'Arte-storica

agisce sul corpo dell'uomo

come percezione dell'apparenza .

L'Arte-sovrastorica

agisce sullo spirito dell'uomo

come vibrazione dell'anima .

L'Arte-storica è maggiormente legata al linguaggio ,

l'Arte-sovrastorica è maggiormente caratterizzata dal tempo .

L'Arte-storica appartiene

a coloro che si lasciano trascinare

dalle mode e costumi della propria epoca ,

appartiene a chi non si è mai chiesto veramente

quale fosse lo scopo della propria esistenza ,

a chi annega nell'oblìo

la voce inquisitoria della coscienza .

L'Arte-storica asservisce

la regola , la tecnica , l'intuizione artistica ,

alle necessità contingenti del mercato

trascurando l'anelito spirituale del vero artista .

Arte-sovrastorica non significa

completo distacco dalla realtà

dissociazione dalla materialità corrotta

un'arte al di fuori dello spazio-tempo ,

al contrario ,

Arte-sovrastorica significa

immissione del tempo infinito nella realtà finita

coscienza della compenetrazione di tempo ed eternità

connubio dell'assoluto con la relatività ,

della forma con il contenuto .

Non più un rapporto schizofrenico nell'arte

tra significante e significato

procedura artistica e opera d'arte ,

bensì , una fusione del processo artistico

in tutte le sue forme e modalità :

l'artista , l'opera e la regola d'arte

sono un sistema olistico indivisibile ,

in cui l'armonia scaturisce

dalla bellezza delle sue tre componenti .

Il concetto generalissimo di Arte è il seguente :

" un'attività umana armonica

definita da un insieme di regole ".

L'Arte , quindi , è un processo di trasformazione

dalla teoria alla pratica

fondato sull'intuizione

che determina l'armonia del suo operato

in funzione di un sistema di riferimento comportamentale .

L'Arte si pone nell'essenza della vita dell'uomo ,

ne costituisce il nucleo ordinatore ,

il principio armonico dell'esistenza .

L'Arte-sovrastorica è

un processo armonico dalla teoria alla pratica

fondato sull'intuizione di sistemi di riferimento categoriali

interagenti con il tempo sovrastorico .

L'Arte-sovrastorica si correla alla Simesi ,

metodo di rappresentazione

dei processi formativi dell'immaginazione ,

ovvero , di tutte quelle procedure

che alimentano la fantasia e la creatività .

L'artista sovrastorico è il compositore

di processi creativi sovraepocali .

Per composizione sovrastorica si concepisce

sia l'atto e l'effetto di porre insieme

vari cronemi (pratiche creative) sinergeticamente ,

sia le modalità organizzative , metodologiche e disciplinari

che consentono di comporre un processo creativo sovrastorico .

L'artista parte da un'intuizione originaria ,

eccita le tre pratiche sovrastoriche

(temporale , simbolica e semantica)

e con l'ausilio della scienza cronologica

e della memoria semantica

plasma

il modello immaginario .

Il processo creativo sovrastorico

materializza un nuovo schema mentale

che determina di conseguenza

una innovazione comportamentale .

L'artista mediante le composizioni sovrastoriche

genera dei flussi logico-creativi

che costituiscono dei veri e propri programmi categoriali .

La 'coerenza etica'

e l'amore per il prossimo

possono essere considerati

come dei paradigmi

ordinativi ,

processuali ,

sovrastorici .

L'Arte-sovrastorica per eccellenza

è l'amore attuato in tutte le sue forme .

 

 

 

 


 

 

La Vita Sovrastorica

 

L'uomo è il tempo come coscienza del divenire ,

l'uomo è il tempo come coscienza dell'eternità ,

l'uomo è l'infinito come coscienza infinita .

L'essenza spirituale dell'uomo

supera il dualismo biologico vita/morte

nella risoluzione della vita sovrastorica .

La vita sovrastorica

è lo stato di attività dello spirito ,

diffuso nell'universo ,

finché in esso dura

il principio della vibrazione d'amore .

Con l'azione-sovrastorica

chi agisce può riferirsi ad un sistema sovraepocale fantastico

ed entrare nella storia non in rapporto

alla situazione contingente , locale ,

ma rispetto al livello globale

determinato dal sistema sovrastorico

che crea lo sfondo motivazionale della sua azione :

tale azione è intenzionale e cosciente .

L'azione-sovrastorica

è generata da un orizzonte temporale infinito

che svincola l'uomo dalla storia e dalle necessità economiche

donando alla sua esistenza una completezza impensabile .

Il manifestarsi della libertà sovrastorica

corrisponde al salto da una libertà locale ,

che si reputa globale , a più libertà locali ,

determinanti , nelle loro interazioni ,

un sistema globale-sovraepocale-intenzionale

che può connettersi con tutti i sistemi locali ,

compreso quello di partenza , in modo autonomo .

Libertà sovrastorica significa

agire in un tempo locale

con una struttura temporale globale , olistica ,

non sottomessa a pseudo-vincoli epocali .

La libertà sovrastorica

è l'unica libertà

che può rompere le sbarre del carcere

che imprigiona la verità

riposta nella nostra struttura profonda .

Il linguaggio sta al comportamento

come il tempo alla libertà .

Qualsiasi idea è inserita in un cronosistema ,

ogni azione è inserita in un cronoschema .

Le cronostrutture sottendono la vita

in tutte le sue forme .

La vita vissuta nel tempo storico

assume tutte le caratteristiche negative della temporalità ,

rendendo l'individuo schiavo

del tempo della produttività e della morte .

La vita fondata sul tempo sovrastorico

comporta un ampliamento delle potenzialità dell'uomo

la consapevolezza delle energie spirituali

la vera felicità nella nostra esistenza .

Abbiamo un 'Atto-puro' tra le nostre azioni

quando convergono armonicamente

genialità , spontaneità , amore .

L'Atto-puro è

l'azione fondata sulla metafisica dell'attimo

come luogo privilegiato

dove tempo ed eternità si toccano .

L'Atto-puro è

moralità infinita ,

intuizione folgorante ,

illuminazione dello spirito .

La vita di Cristo è un Atto-puro

dal significato escatologico :

la Luce del mondo .

L'uomo è formato da materia e spirito

luogo di incontro di relativo ed assoluto

del principio passivo e del principio attivo ;

vivere sovrastoricamente

vuol dire essere consapevoli delle proprie responsabilità ,

del proprio ruolo nella storia dell'universo .

Noi siamo la coscienza del cosmo ,

i rappresentanti di un ordine superiore

latente nella natura

che l'uomo

attraverso un processo di creazione sovrastorica

può portare alla luce .

E' l'uomo che deve scegliere liberamente

se restare nel tempo storico

oppure coltivare e sviluppare il seme dello spirito

che è riposto nella profondità della propria coscienza .

Vivere sovrastoricamente

equivale a vivere una vita materiale

in sintonia con la vita dello spirito ,

una vita proiettata nell'eternità

sebbene efficace ed efficiente nei singoli istanti .

La vita sovrastorica

è la vita dell'uomo di fede

che crede nell'amore

e nella realtà di Dio .

 

 

 

 


RISOLUZIONE

La Vita come Arte Sovrastorica


 

 

La Vita come Arte Sovrastorica

 

Da quando l'uomo

ha abbandonato il mito

come forma di coscienza ,

materializzando completamente la sua esistenza ,

ha perso il suo rapporto

con il tempo mitopoietico

e , di conseguenza ,

con le forze dell'universo

che lo correlano all'ordine cosmico

e all'ordine soprannaturale .

La realtà ,

per chi credeva nella concretezza del mito ,

era un mondo simbolico

che rappresentava specularmente

una realtà 'superiore' e nascosta .

L'individuo

era consapevole con il mito

che dietro un semplice avvenimento

si celavano energie misteriose

interventi divini

influssi cosmici

processi inconcepibili

trasformazioni profonde della natura .

Poi , con l'avvento della civiltà occidentale ,

il rapporto con il sacro , il soprannaturale ,

cambiò radicalmente

e l'aspetto rituale , magico ,

della conoscenza mitica

gradatamente cedette il passo

alla metodologia scientifica

e ad un approccio sistematico ed analitico

nell'osservazione naturale .

Drammaticamente avvenne il passaggio

da un osservatore della natura di tipo globale ,

caratterizzato da una visione olistica dei fenomeni ,

ad un osservatore di tipo parziale

caratterizzato da una visione schizofrenica .

Alla continuità si sostituì la separazione ,

all'armonia totale , l'armonia parziale ,

all'amore , l'odio .

Chiunque dimentica la continuità

nel rapporto tra natura , uomo e soprannaturale ,

o , che è lo stesso , tra natura , uomo e Dio ,

vive parzialmente la sua esistenza

incapace di cogliere il senso del tutto ,

l'ordine che sostiene l'apparente disordine ,

l'unità degli opposti ,

la radice unica che sostiene i diversi fenomeni .

La scienza senza amore è cieca ,

l'amore senza scienza è inconsapevolezza .

E' giunto il momento

di riconnettere l'amore e la scienza

in una visione sovrastorica .

Come un'operazione matematica ,

una formula fisica ,

un concetto scientifico ,

tendono all'obiettività

e sono facilmente interpretabili in tutto il mondo

da tutti i diversi popoli e razze ,

così , il linguaggio d'amore ,

un gesto d'amore ,

è compreso da tutta la natura ,

da tutti gli esseri viventi .

L'amore è universale ,

è una realtà obiettiva e concreta

che agisce tra noi

secondo leggi rigorose sovrastoriche ,

travalicando i confini abitudinari del sapere

ed aprendo all'uomo nuovi orizzonti .

La consapevolezza dell'amore

è il punto di arrivo della scienza ,

la contemplazione di Dio ,

la vera sapienza .

L'essenza dell'amore

può essere intravista con l'intuizione

ma resta pur sempre vaga ,

fintantoché , attraverso la sperimentazione scientifica ,

l'osservazione controllata ,

la percezione della propria coscienza ,

la formulazione rigorosa dei principi affettivi ,

non si perviene alla comprensione della sofferenza altrui ,

alla consapevolezza teorica e spirituale dell'amore ,

alla pratica sincera e spontanea della propria volontà d'amore .

La vera vita

si realizza soltanto

nella pienezza e compresenza di scienza e amore ,

ovvero , nella consapevolezza sovrastorica ,

nell'assunzione a sistema di riferimento sovrastorico

dell'amore rivelato da Cristo .

Non più una vita ridotta a mera superficialità ,

non più un amore ridotto ad atteggiamento convenzionale ,

privato della sua linfa vitale ,

trasformato in lugubre e macabro scheletro

di sentimenti ipocriti e desideri carnali .

L'amore sovrastorico è

la proiezione di un sentimento finito

su di un piano infinito

e , viceversa , è il sentimento infinito

calato nel piano finito .

L'amore sovrastorico corrisponde

alla sublimazione dei sensi ,

alla trasformazione della carne in spirito ,

alla realizzazione di un orgasmo estatico ,

al superamento dell'uomo a una dimensione

e alla manifestazione dell'uomo sovrastorico .

Il corpo diviene immagine della spiritualità

condensatore della vibrazione cosmica .

Il corpo sovrastorico coincide con l'amore puro

solo e soltanto se assume

come sistema di riferimento categoriale

l'amore universale di Dio ,

suprema sapienza

volontà attiva e salvifica .

L'amore sovrastorico non è

passione incontrollabile , delirio indomato ,

bensì , volontà cosciente ,

donazione della propria libertà di azione

per il bene del prossimo .

A proposito della differenza

tra una concezione orientale ed una occidentale dell'amore ,

è utile ricordare alcune osservazioni di Rudolf Otto

sul rapporto tra mistica orientale e mistica occidentale .

In oriente abbiamo "...una mistica della tensione

e della ebbrezza del sentimento ,

in cui una forte emozione fonde

l'io e il tu di esseri legati nel sentimento

e l'unità si esprime nella forma

di una sovraeccitazione affettiva ".

L'occidente , invece, "...non conosce

una tale ebbrezza del sentimento

ed un tale amore 'patologico' ; ...l'amore è

la virtù cristiana della agape ,

forte come la morte , ma non ebbra ;

interiore , ma profondamente umile ,

e nello stesso tempo volontaria e attiva ".

Eckhart , esponente dell'occidente , dice nei suoi sermoni

che : " L'amore non unisce . Unisce nell'opera ,

ma non nell'essenza ".

L'amore sovrastorico è decisamente

un amore cristiano ed occidentale

fondato sulla coscienza scientifica , sulla fede ,

e sulla consapevolezza spirituale

del valore costruttivo della propria azione .

Il Vangelo di Cristo è

un sistema di riferimento sovrastorico

che consente di vedere

nei diversi ordini locali superficiali

un identico e profondo ordine globale ,

l'unità nella varietà .

Il Vangelo di Cristo è

un sistema di riferimento proporzionale

che armonizza il comportamento dell'uomo

secondo dei principi generalissimi .

Qualsiasi sistema di riferimento comportamentale

per reificarsi ed agire nella realtà

abbisogna di un cospicuo quantitativo di fede ,

di una estrema sincerità interiore

di una profonda consapevolezza spirituale .

Agire in consonanza

con i principi del sistema di riferimento sovrastorico

significa non soltanto conoscere

la scienza e le tecniche sovrastoriche ,

i processi della simesi e la cronologia ,

ma è anche importante lo stato d'animo ,

il modo in cui si accettano e si vivono i cronosistemi

l'entusiasmo che si infonde nei propri atti .

Vivere sovrastoricamente

è tra le cose più semplici che esistano ,

basta condurre alla coscienza

ciò che avviene nelle strutture profonde

del nostro essere ,

e ricondurre le fluttuazioni degli avvenimenti

ad un unico cronosistema sovrastorico .

Per l'essere umano

la vita come opera d'arte

corrisponde

ad una vita come opera d'amore .

L'amore

attraverso i cronoschemi

plasma la vita

in tutti i suoi tre livelli :

il corpo ( campo fisico ) ,

la mente ( campo psichico ) ,

lo spirito ( campo sovrastorico ) .

Il connubio di arte e amore

conduce all'integrazione psichica ,

alla formulazione di modelli processuali ,

modelli di comportamento

e non modelli meramente visivi .

Il vero artista è un generalista

un individuo dotato di comportamento sintetico

che conduce i suoi simili alla consapevolezza

della vita come opera d'arte .

La vita non è più soltanto

un luogo di lavoro e di piacere superficiale ,

un intervallo breve nel corso del tempo ;

la vita , vissuta sovrastoricamente ,

è olotopia e olocronia ,

tutti i luoghi e tutti i tempi ,

crogiuolo ove si fonde materia e spirito

tempo storico e tempo sovrastorico

essere e non-essere ,

campo meraviglioso dell'opera di Dio .

Cristo è la vita

come opera d'arte ,

Cristo è la vita

come arte sovrastorica ,

Cristo è la vita

come opera d'amore .

La più grande opera d'arte di tutti i tempi storici ,

la più straordinaria opera d'arte sovrastorica

è la vita vissuta da Cristo ,

il gesto d'amore di Cristo ,

l'azione salvifica di Gesù .

Cristo sarà , è , fu ,

il più sublime artista di tutti i tempi ,

l'insuperabile Divin Maestro

il più eccelso Poeta sovrastorico .

La sua opera è sovrastorica ,

è eterna benché situata nel tempo ,

è comprensibile malgrado la sua infinità ,

è armonica persino nel dramma e nel dolore .

La vita di Cristo

è una vita di amore

che si conclude con l'apoteosi dell'amore :

il sacrificio della propria vita storica

per il compimento del disegno sovrastorico di Dio .

Tutte le forme di arte sovrastorica

che prescindono da tale metasistema di riferimento

risentono di una evidente miseria e povertà .

L'anima dell'uomo tende a Dio ,

al rinnovamento per la venuta di Cristo ,

alla realizzazione dello Spirito Santo .

Cristo è il più sublime artista

di tutti i tempi ,

la sua opera è la più grande di tutte ,

veicolo del più luminoso messaggio

che mai sia stato inviato all'uomo :

la nascita della consapevolezza

dello Spirito di Dio nell'uomo .

La vita vissuta come opera d'arte sovrastorica

è la vita vissuta secondo l'insegnamento di Gesù :

questa è la più semplice e la più grande

opera d'arte sovrastorica .

La vita come arte sovrastorica

che realizza il vero , il bello , il giusto ,

l'armonia del sommo bene ,

è la vita di Dio .

 

 

 

 

 


 

FONTE : libro " La Vita come Arte Sovrastorica " di Carlo Sarno ,  pubblicato con STE edizioni a Napoli nel 1989 .